Lo studio raccoglie la giurisprudenza inedita nei settori di competenza dello stesso. In ambito civilistico, lo studio è infatti  particolarmente specializzato in materia assicurativa, sia per l’assistenza e la consulenza nella contrattualistica (polizze di responsabilità civile, multirischi, incendio, furto, infortuni, contratti fideiussori etc.) che nella gestione dei sinistri e delle relative vertenze. Lo studio è inoltre attivo in materia di responsabilità civile in generale e in particolare in materia di responsabilità professionale medica.

Fra le materie dello studio figurano il diritto del lavoro, il diritto delle locazioni, il diritto assicurativo, il diritto industriale e della proprietà intellettuale

La Giurisprudenza che raccogliamo è quella più specifica e di rilievo trattandosi di fattispecie dallo studio trattate e che qui riportiamo.

201406.13
0

Ancora sui criteri di applicabilità dell’art. 2051

Omissis…”….è noto che la più recente ed oramai costante giurisprudenza del Supremo Collegio ritiene che la responsabilità oggettiva, prevista dall’art. 2051 ex., è invocabile anche nei confronti della Pubblica Amministrazione per i danni arrecati dai beni dei quali essa abbia la concreta disponibilità, anche se di rilevanti dimensioni, e che tale responsabilità resta esclusa solo…

201305.20
0

La responsabilita’ civile per danni conseguenti a emotrasfusioni o emoderivati.

– La responsabilità del Ministero della Salute La responsabilità civile per tale tipologia di danni è stata dalla giurisprudenza ascritta al Ministero della Sanità per aver omesso di esercitare tempestivamente i propri poteri di programmazione, vigilanza e controllo in materia di produzione, importazione e distribuzione del sangue e dei suoi derivati. Trattasi pertanto di responsabilità…

201211.05
0

Il risarcimento ai prossimi congiunti.

Omissis…“Quanto alla domanda di risarcimento del danno morale sofferto da xxx e yyy a seguito delle lesioni subite dalla figlia, all’epoca peraltro di minore età, si osserva quanto segue. L’ormai consolidata giurisprudenza (S.U. n. 9556/2002) ritiene sussistente la legittimazione dei prossimi congiunti della vittima di lesioni a chiedere il risarcimento del danno morale iure proprio,…

201210.03
0

I requisiti per la qualifica di strada pubblica.

Omissis…“Affinché un’area privata venga a far parte del demanio stradale e assuma, quindi, la natura di strada pubblica, non basta né che vi si esplichi di fatto il transito del pubblico, né la mera previsione programmatica della sua destinazione a strada pubblica, né, infine, l’intervento di atti di riconoscimento da parte dell’amministrazione circa la funzione…

201206.19
0

Danno da cosa in custodia: motivi di esonero del custode.

Omissis…“Assolutamente preliminare, nella causa che ci occupa, è dunque la verifica dell’applicabilità dell’art. 2051 c.c., norma configurante secondo l’orientamento prevalente (Cass., 15 giugno 2006, n. 13770; Cass., 6 luglio 2006, nn. 15383 e 1538) un’ipotesi di responsabilità oggettiva presunta della P.A. per i danni occorsi agli utenti della strada statale a causa della negligente manutenzione…

201204.15
0

Art. 2051 c.c. Presupposti applicativi.

Omissis…“Parte attrice ha invocato, nei confronti del condominio, la presunzione di responsabilità di cui all’art. 2051 c.c. L’art. 2051 c.c. esonera la vittima dell’onere di provare la colpa del custode, ma non la esonera dall’onere di provare l’esistenza del nesso causale tra la cosa ed il danno. Per l’applicazione dell’art. 2051 c.c, infatti, è necessario…

201201.18
0

Danni da distacco di intonaco in un esercizio commerciale in locazione. Responsabilità del proprietario.

Omissis…“L’art. 2051 c.c., nello statuire che il responsabile del danno cagionato dalla cosa è il soggetto che ne ha la custodia, fa riferimento ad uno stato di fatto attraverso il quale operare l’imputazione della responsabilità a chi si trovi nelle condizioni di controllare i rischi inerenti alla cosa, dovendosi quindi escludere che custode sia necessariamente…

201107.18
0

Pendenza procedure esecutive: obbligo informativa del notaio su interventi di altri creditori.

Omissis…”Né infine potrebbe, come sostenuto dal C., rimproverarsi al Notaio di non avere informato l’acquirente dell’intervento in seno al pignoramento di altri creditori pignoranti. Infatti, tra gli obblighi del notaio non è contemplato quello di accertare se nella procedura immobiliare iniziata con il pignoramento trascritto, siano intervenuti, o meno, altri creditori; in altri termini non…

201105.14
0

Il termine di costituzione in caso di opposizione a decreto ingiuntivo.

Omissis…“L’art. 645, 2°co. c.p.c., prevede espressamente che “in seguito all’opposizione il giudizio si svolge secondo le norme del procedimento ordinario davanti al giudice adito; ma i termini di comparizione sono ridotti a metà”. Come è noto, nell’interpretare tale norma la Corte di legittimità ha sempre ritenuto che la riduzione alla metà del termine di costituzione…

201104.15
0

Il Direttore dei Lavori. Competenze e responsabilità.

Omissis…“in linea di diritto si ricorda che la responsabilità del direttore dei lavori non si identifica, sic et sempliciter, con la responsabilità della ditta appaltatrice, trattandosi di due rapporti autonomi, ciascuno soggetto ad una diversa disciplina che, per il direttore dei lavori, va ricondotta nell’alveo della responsabilità per colpa professionale a norma dell’art. 2236 c.c….

201102.08
0

Rapporto di lavoro. Inquadramento dipendente. Mancata prova lavoro straordinario.

Omissis…“Il ricorso è infondato e va pertanto respinto. Invero, risulta documentalmente che il ricorrente ha lavorato alle dipendenze della società  convenuta dal 3.7.2000 all’8.3.2001 con qualifica di autista necroforo di 4° livello ccnl di settore (cfr. libretto di lavoro, buste paga versate in atti). Sostiene il ricorrente di essere stato erroneamente inquadrato dalla convenuta nel…